La Lorraine monastique au Moyen Âge, Collection « Lorraine »by M. Parisse

  • Published on
    21-Jan-2017

  • View
    214

  • Download
    2

Transcript

La Lorraine monastique au Moyen ge, Collection Lorraine by M. ParisseReview by: F. MenantAevum, Anno 56, Fasc. 2 (maggio-agosto 1982), pp. 360-361Published by: Vita e Pensiero Pubblicazioni dellUniversit Cattolica del Sacro CuoreStable URL: http://www.jstor.org/stable/20857594 .Accessed: 15/06/2014 13:09Your use of the JSTOR archive indicates your acceptance of the Terms & Conditions of Use, available at .http://www.jstor.org/page/info/about/policies/terms.jsp .JSTOR is a not-for-profit service that helps scholars, researchers, and students discover, use, and build upon a wide range ofcontent in a trusted digital archive. We use information technology and tools to increase productivity and facilitate new formsof scholarship. For more information about JSTOR, please contact support@jstor.org. .Vita e Pensiero Pubblicazioni dellUniversit Cattolica del Sacro Cuore is collaborating with JSTOR todigitize, preserve and extend access to Aevum.http://www.jstor.org This content downloaded from 195.34.79.176 on Sun, 15 Jun 2014 13:09:26 PMAll use subject to JSTOR Terms and Conditionshttp://www.jstor.org/action/showPublisher?publisherCode=vitaepensierohttp://www.jstor.org/stable/20857594?origin=JSTOR-pdfhttp://www.jstor.org/page/info/about/policies/terms.jsphttp://www.jstor.org/page/info/about/policies/terms.jsp360 ANNUNZI BIBLIOGRAFICI e degli scontri e cosi incalzante che si rimane quasi come presi in un vortice. Ma questo accade per la natura stessa del racconto storico, anche se l'autore fa di tutto per alleggerire con il suo solito brio le pagine del libro, attraverso Fuso di termini moderni applicati a spiegare e attualizzare situa zioni lontane nel tempo, ma spesso non nel costume. Alcuni esempi: il poeta presso i Beduini ha le funzioni di ?press agent? (p. 33); la Mecca era alPinizio una ?rudimentale Las Vegas d'Arabia ? (p. 37); ? Fra le cantatrici, la Callas delFepoca fu Giamira ? (p. 121); ?II beUissimo Gia*far era il Lord Brummel del suo tempo ? (p. 146). Le parti piu awincenti sono quelle sulFArabia pre-islamica (capp. I-HI), sulla figura e le gesta di Maometto (cap. IV), sul Corano (cap. V) e, come accennavo prima, quelle dedicate alFespo sizione delle conquiste spirituali degli Arabi (cap. VIII: ? La cultura e l'arte del periodo omayyade ?; cap. X: ? L'epoca delle traduzioni?, p. es.). Da esse apprendiamo notizie curiose quali la tradi zione sulForigine del canto arabo in seguito alia frattura della mano (per una caduta dal cam mello) di un certo Mudar ibn Ma'add (p. 121) o la causticita di certi detti di personaggi famosi (p. 157, r. 14-12 dal basso; p. 161, rr. 14-15). Da esse riconosciamo come arabe tante parole confluite nella nostra lingua nel campo delFastro nomia (Zenit, almanacco ..., p. 159), della ma tematica (zero, algebra, la designazione delFin cognita con X, p. 160), Yal-Kimya stessa (p. 162) nelTambito dell'agricoltura e dei generi alimentari (sciroppo, sorbetto, p. 167; albicocco, ecc, p. 276), dell'abbigliamento (fustagno, taffeta, mus solina, damasco, cuffia, p. 166), delFarredamento (baldacchino, sofa, divano, p. 167), della marina (animiraglio, dogana, corvetta, scialuppa, tariffa, arsenale, ecc, p. 276). Perfino in campo architet tonico si possono scoprire influssi insospettati di cui Pesempio piu interessante e quello della cupola della Maqsura di Cordova sulle cupole torinesi del Guarini (S. Lorenzo; Cappella della Sindone; cfr. p. 280 e nona p agin a delle fotografie in bianco e nero, in alto). La parte iconografica, in cui sta la particolare abilita delFautore, e, come negli altri volurni, particolarmente curata: piante, cartine, riprodu zioni di documenti antichi sono riportate in disegni in bianco e nero, sparsi nel testo, mentre fotogra fie soprattutto di monumenti, di miniature e pagine di codici sono raggruppate in due sezioni (a colori e in bianco e nero). Una piccola imprecisione e sfuggita alPautore a p. 124, dove parla della Cupola della Roccia, affermando Finesattezza della designazione ? mo schea di 'Omar?. Infatti, che Pedificio abbia nulla a che vedere con 'Omar e esatto, ma che non sia una moschea e impreciso. Forse Pautore in tendeva dire che non e stato costruito con lo scopo di edificare una moschea, ma per proteggere la roccia del sacrificio di Isacco, da cui Maometto avrebbe iniziato il suo ?volo notturno ? verso i cieli con PArcangelo Gabriele (cfr. p. 46). Ma cio non significa che poi, e tuttora, esso sia adibito a moschea e che gli Arabi vi preghino come nelle moschee sorte fin dall'mizio come tab. Terminiamo segnalando la bellezza, il gusto e l'eleganza deb'anima araba quaU si evidenziano nell'accostamento dei colori (cfr. la Grande Mo schea di Cordova, ottava pagina delle tavole a colori; la ?cupola deUa Roccia? in copertina: il colore della ceramica in cui predominano i toni del giallo e dell'azzurro richiamano l'oro della cu pola e l'azzurro intensissimo del cielo) e nella cal bgraficita deb'alfabeto che diventa merletto nelle iscrizioni sui monumenti (cfr. di nuovo i due mo* numenti succitati) e si trasforma in disegno quasi astratto pur conservando la leggibibta di nomi concreti (cfr. pp. 65, 80 e 93). Non per nulla il termine ? arabesco ? si rifa alle decorazioni. . . arabe. Lo scopo del bbro h indicato dab'autore nella Prefazione ed h ben espresso in queste parole: ?Percio, ora che il mondo islamico da qualche decennio e tomato ad essere uno dei protagonisti di questo secolo, m'e venuto naturale ricercare qualcosa di piu che non le vaghe reminiscenze scolasticbe su Mori e Saraceni, o le generiche affermazioni circa l'impronta lasciata da questi focosi conquistatori nei territori itahci e iberici, ma ripercorrere cosi, in compagnia di quegb av venturosi Figb del Deserto, tutto ritinerario da loro effettuato sulla via indicata dal Profeta di Allah ? (p. 5). (A. Passoni Dell'Acqua) M. Parisse, La Lorraine monastique au Moyen Age, Collection ?Lorraine?, University de Nancy II, Service des publications, 25, Nancy, 1981. Un vol. de 143 pp., 8 cartes, 16 photogr. L'A., splciabste de la noblesse et des ordres monastiques dans la Lorraine medievale, a rea lise* dans ce petit bvre une syntbese qui merite d'etre remarquee, voire imitee: son objet est de faire une bistoire simple mais sobde du monachi sme, des origines au dlclin du XIVe s., dans le cadre d'une region fortement individuaUsee, qui constitue a l'epoque 6tudi?e une grande unit6 pobtique et un foyer de rayonnement spirituel. Le d&rir d'etre accessible a un large pubbc et de lui fournir un panorama complet du sujet trait 6 s'albe au souci de rester a un baut niveau scienti fique. La premiere de ces intentions conduit a expbquer avec simpbcite" les donnees generates du monacbisme (regies, r6formes, Evolution d'en semble ...), la deuxieme a nourrir le r cit de nom breuses observations de premiere main et a le couper de tableaux des structures du monacbisme lorrain: les passages sur la puissance 6conomique des monasteres et leur vie inteUectueUe sont par ticuberement suggestifs. On notera par ailleurs la place faite aux rebgieuses, moins bien connues This content downloaded from 195.34.79.176 on Sun, 15 Jun 2014 13:09:26 PMAll use subject to JSTOR Terms and Conditionshttp://www.jstor.org/page/info/about/policies/terms.jspANNUNZI BIBLIOGRAFICI 361 en general qne leurs confreres masculins; l'A. pose a leur sujet une serie de questions simples, mais auxquelles il s'avere parfois difficile de repondre. Le plan general, chronologique, commence par la floraison monastique des VIIe-VIIIe s., autour du Luxeuil de Colomban puis du Gorze de Chro degang, fonde" parallelement a la r6forme capitu laire de Metz et devenu au Xe s. la t6te de la con gregation bien connue. Suit un chapitre sur For ganisation monastique en Lorraine, puis l'6tude des ordres nouveaux du XIIe s. et enfin celle des Mendiants du XIIIe, qui permet un coup d'oeil sur les vibes lorraines. Les cartes, la bibliographic et l'ihventaire des monasteres lorrains qui ? outre des photos ? completent le volume, en font un guide precieux. (F. Menant) Rodolfo il Glabro, Storie deWanno mille. I cinque libri delle Storie. Vita delVabate GuglieU mo, a cura di G. Andenna - D. Ttjniz, ? Le origini: Storie e cronache?, 1, Jaca Book Europia, Milano-Novara 1982. Un vol. di pp. 235, con tavole f.t. e cartine. Benche" ?medioevale? continui a mantenere una connotazione sostanzialmente negativa nel linguaggio corrente o delle comunicazioni di mas sa, presso cui rappresenta la piu sfruttata eti chetta d'uso per tutto cio che si considera rozzo, arretrato, irrazionale, il medioevo si sta prenden do proprio negli ultimi anni una sonante rivin cita attirando su di se" (non importa se spesso per il tramite di rappresentazioni folkloriche, settoriali o, peggio, deformate) l'attenzione di una fetta sempre maggiore del grosso pubblico. ? appena il caso di ricordare, nel campo della narrativa, la fioritura, tanto in Italia che alTeste ro, di romanzi come La grotta di cristallo, II tesoro del bigatto, II nome della rosa, I dodici abati di Challant, La camera delle signore, I tre amori di Lancillotto e via dicendo, mentre non e certo meno significativo che la casa editrice Mondadori abbia realizzato (sia pure in concomitanza alia comparsa sugli schermi nazionali dell'Excali bur di Bormann) un'iniziativa che solo un decen nio fa sarebbe stata votata a sicuro insuccesso commerciale con la traduzione del bel rimaneg giamento del ciclo della Tavola rotonda appron tato da Jacques Boulanger sulla base del Lan celot en prose. Forse anche questi segnali incoraggianti hanno persuaso Gian Maria Capuani a dar corpo alia colla na ? Le origini storie e cronache ?, una collezione indirizzata a venire incontro ? su altro piano e nel modo piu corretto ? all'attuale richiesta di medioevo, con roffrire a un pubblico, non solo di addetti ai lavori, direttamente una cernita di testi medioevali tradotti e accompagnati da uno studio introduttivo. Se sia la nascita di una sorta di ? Sources chr6tiennes ? italiane (ma il paragone b forse eccessivo) qualcosa di meno o semplicemente qualcosa di diver so, b presto per dirlo: la fisio nomia della serie, che prevede gia a breve di stanza la pubblicazione delle opere di liutprando di Cremona, deUa Vita di Ugo di Cluny, degb scritti di Pier Damiani e di Brunone di Querfurt su Romualdo di Ravenna e deUa Vita di Arialdo di Andrea da Strumi, si precisera e si fissera pro babilmente strada facendo. In ogni caso la partenza b buona. Raoul Glaber, questo ?intellettuale inquieto? accusato, non a torto di essere un ?bavard impenitent? b narratore fresco ed efficace, come basterebbero a dimostrare i brani quasi antologici della gi gantesca balena di Bernival o deU'Europa che dopo il Mille si copre rapidamente del manto biancheggiante deUe nuove cattedrab; la sua ricerca del meravigboso e del prodigioso offre, soprattutto neUe Storie, pagine gusto se per qual siasi lettore ma al tempo stesso ricche di spunti e materiale per lo storico delle mentabta e del co stume. II testo deUa Vita di Guglielmo da Vol piano e deUe Storie, tradotto senza sbavature da Dorino Tuniz dalle due edizioni critiche piu recenti, b corredato da brevi ? Schede storiche ? relative a personaggi, luoghi, istituzioni, nonche da una tavola cronologica. La bella introduzione di Giancarlo Andenna, che non si accontenta dei consueti dati biografici ma si sforza di pe netrare la storia anche psicologica deU'uomo Raoul, possiede i pregi di un'aggiornata e densa proble maticita esposta con vivacita e pianezza di scrit tura. Unico rimprovero b che si sarebbero potute spezzare, forse con giovamento, le 46 pagine che la compongono con dei paragrafi. Chiude il volume una bibliografia essenziale. (P. Tomea) G. Cortinovis, I priori maggiori di Pontida, Tip. Grafica Monti, Bergamo 1978. Due voll. di pp. 727. In due ampi volumi l'autore delinea la storia del priorato di San Giacomo di Pontida dalla fondazione, awenuta nel 1076, sino al termine del periodo cluniacense, fissato nel 1491, anno in cui il cenobio entro a far parte della Congregazione di Santa Giustina di Padova. Gia il titolo indica la particolare impostazione nella elaborazione storica: Pautore intende seguire le vicende dei protagonisti maggiori della fondazio ne monastica, i priori ed i monaci appartenenti alYordo di Cluny. Si tratta pertanto di una narra zione che riguarda gli uomini, attori privilegiati entro la struttura cenobitica; ma il discorso non e limitato al solo ambiente monastico, a volte si allarga agli awenimenti e ai problemi della pianura padana e dell'area borgognona, territori sui quali si esplico per piu secoli l'azione della grande abba This content downloaded from 195.34.79.176 on Sun, 15 Jun 2014 13:09:26 PMAll use subject to JSTOR Terms and Conditionshttp://www.jstor.org/page/info/about/policies/terms.jspArticle Contentsp. 360p. 361Issue Table of ContentsAevum, Anno 56, Fasc. 2 (maggio-agosto 1982), pp. 153-374Front MatterI NECROLOGI DELLA CATTEDRALE DI COMO (XIII-XIV SEC.) NELLA TRADIZIONE STORICA E ANTIQUARIA [pp. 153-199]MISCELLANEADIE VULGRLATEINISCHE SPRACHFORSCHUNG IN DIESEM JAHRHUNDERT RCKSCHAU UND AUSBLICK [pp. 200-204] FOSSATA CAVARE, PORTAS ERIGERE LE RLE DES FOSSS DANS LES FORTIFICATIONS MDIVALES DE LA PLAINE PADANE [pp. 205-216]ANCORA SULLA ROMANI PALATII BASILICA (PETRI ABAELARDI "ep." X) RIFLESSIONI INTORNO A UNA IPOTESI [pp. 217-220]UN SERMONE DI ODDONE DI SOISSONS NEL MS. BRUXELLES, B.R., 10147-58 [pp. 221-244]PER UNA RICOSTRUZIONE DEL ["DE CRUCE"] DI BONVESIN DA LA RIVA [pp. 245-247]A NOTE ON BOCCACCIO'S SOURCES FOR THE STORY OF OEDIPUS IN "DE CASIBUS ILLUSTRIUM VIRORUM" AND IN THE "GENEALOGIE" [pp. 248-252]PER UN CENSIMENTO DI INCUNABOLI E CINQUECENTINE POSTILLATE DEI "RERUM VULGARIUM FRAGMENTA" E DEI "TRIUMPHI": I. LONDON: BRITISH LIBRARY [pp. 253-262]LA DESCRIPTIO INDIE E LA DESCRIPTIO PARTHIE NEL "BELLUM PARTHICUM" DI TOMMASO CHAULA [pp. 263-279]RECENSIONIReview: untitled [pp. 280-280]Review: untitled [pp. 280-282]Review: untitled [pp. 282-284]Review: untitled [pp. 284-287]Review: untitled [pp. 287-288]Review: untitled [pp. 288-293]Review: untitled [pp. 294-303]Review: untitled [pp. 303-306]Review: untitled [pp. 306-307]Review: untitled [pp. 307-309]Review: untitled [pp. 309-312]Review: untitled [pp. 312-322]Review: untitled [pp. 323-324]Review: untitled [pp. 324-327]Review: untitled [pp. 327-332]Review: untitled [pp. 332-337]Review: untitled [pp. 337-339]Review: untitled [pp. 339-342]Review: untitled [pp. 343-351]Review: untitled [pp. 352-354]Review: untitled [pp. 355-355]ANNUNZI BIBLIOGRAFICIReview: untitled [pp. 356-356]Review: untitled [pp. 356-357]Review: untitled [pp. 357-358]Review: untitled [pp. 358-358]Review: untitled [pp. 358-358]Review: untitled [pp. 358-359]Review: untitled [pp. 359-359]Review: untitled [pp. 359-360]Review: untitled [pp. 360-361]Review: untitled [pp. 361-361]Review: untitled [pp. 361-362]Review: untitled [pp. 362-363]Review: untitled [pp. 363-364]Review: untitled [pp. 365-365]Review: untitled [pp. 365-366]Review: untitled [pp. 366-367]Review: untitled [pp. 367-368]Review: untitled [pp. 368-369]Review: untitled [pp. 369-369]Review: untitled [pp. 369-370]LIBRI RICEVUTI [pp. 371-373]Back Matter

Recommended

View more >