• La morale dans la pensée chrétienne primitive. Description des archétypes de la morale patristique, « Théologie Historique », 68 by E. Osborn Review by: C. Scaglioni Aevum, Anno 61, Fasc. 1 (gennaio-aprile 1987), pp. 282-283 Published by: Vita e Pensiero – Pubblicazioni dell’Università Cattolica del Sacro Cuore Stable URL: http://www.jstor.org/stable/20858187 . Accessed: 15/06/2014 07:08 Your use of the JSTOR archive indicates your acceptance of the Terms & Conditions of Use, available at . http://www.jstor.org/page/info/about/policies/terms.jsp . JSTOR is a not-for-profit service that helps scholars, researchers, and students discover, use, and build upon a wide range of content in a trusted digital archive. We use information technology and tools to increase productivity and facilitate new forms of scholarship. For more information about JSTOR, please contact support@jstor.org. . Vita e Pensiero – Pubblicazioni dell’Università Cattolica del Sacro Cuore is collaborating with JSTOR to digitize, preserve and extend access to Aevum. http://www.jstor.org This content downloaded from 62.122.79.38 on Sun, 15 Jun 2014 07:08:46 AM All use subject to JSTOR Terms and Conditions http://www.jstor.org/action/showPublisher?publisherCode=vitaepensiero http://www.jstor.org/stable/20858187?origin=JSTOR-pdf http://www.jstor.org/page/info/about/policies/terms.jsp http://www.jstor.org/page/info/about/policies/terms.jsp
  • 282 ANNUNZI BIBLIOGRAFICI dallo stile apuleiano, eppure segue l'unico metodo oggi possibile. Dicevo sopra che la traduzione fa parte del commento. I due esempi citati dimo strano che 1'Augello non ha inteso sosti tuirsi all'autore, ma mettersene al servizio, chiarendo per il lettore dei nostri giorni la ? sententia ? del Madaurense; non diver - samente da coloro che, per esempio, an notano testi in italiano antico, il curatore ha offerto una sorta di parafrasi, che non intende prendere il posto deU'originale, ma piuttosto invitare chi legge a cimentarsi direttamente, aiutato dalla versione, con la lettura del testo classico: il quale e in questo caso, come tutti sanno, di straor dinaria difficolta. La fatic8 di Giuseppe Augello pare dun que pienamente ripagata dai risultati; e non solo i lettori genericamente colti, ma anche tutti coloro che sono piu diretta mente impegnati nello studio dei classici e della tradizione che dai classici e derivata, non possono che esser grati a chi, oltre ad annotare i testi con erudizione e com petenza, ha avuto l'umilta di tradurli, as sumendosi in piu di un caso la responsabi lita di scelte difficili, quando il senso era o poco chiaro o ambiguo. (E. Fumagalli) E. Osbobn, La morale dans la pensee chre tienne primitive. Description des arche types de la morale patristique, ? Theologie Historique ?, 68, Beauchesne, Paris 1984. Un vol. di pp. 313. Questo volume, che nella versione fran cese ora approntata per la prestigiosa col lana ? Theologie Historique ? attesta i me riti dell'originale inglese, comparso in la edizione nel 1976 e in ristampa nel 1978, e nato dal felice incontro di due profonde competenze: quella nel campo della storia delle origini cristiane e quella nell'ambito della morale. Per quanto concerne la prima competenza, non c'e bisogno di diffondersi particolarmente, perche i lavori di E. Os born su Giustino e Clemente di Alessandria sono abbastanza noti a livello internazio nale per dispensare da ogni puntuale se gnalazione. Per quel che concerne la se conda, interessa soprattutto prendere atto con l'autore della ? domanda ? che lo ha mosso nella sua indagine. In sostanza, co me egli stesso dichiara nella Prefazione e nell'Introduzione, e la constatazione del serissimo travaglio in cui si trova oggi coin volto il discorso morale in ambito cristiano (ma certo non solo cristiano) che l'ha spinto a riaccostarsi alle fonti antiche. E a que sto modo lo studio che ne risulta trascende i limiti di tanta produzione patristica tec nica, per offrirsi anche come indicazione esplicita esemplare della fecondita di un dialogo tra cultura presente e riflessione antica che solo di rado emerge con tanta chiarezza. ft evidente che c'era piu di una via per confrontarsi con la tradizione cristiana dei primi secoli, cosi da giungere ad ? enuncia re i principi cristiani piu incontestabili ed enucleare le obbligazioni morali che essi implicano ?. L'autore ha scelto, in base a considerazioni metodologiche che richiama velocemente nell'introduzione, di affidarsi a quella dei modelli o dei paradigmi etici fondamentali. I quattro modelli che egli ha individuato gia nel Nuovo Testamento ? precisamente la giustizia, la condizione di discepolo, la fede come cammino di li berta e l'amore ? sono come dei nuclei di cristallizzazione, delle prospettive possi bili di realizzazione cristiana che, intera gendo sempre reciprocamente, orientano il credente nelle sue scelte. Nessuno e esausti vo, e tuttavia ciascuno possiede una sua efiicacia innegabile di illuminazione. Gli aspetti principali poi che li carat - terizzano tutti e che li segnano in pro fondita deU'originalita cristiana, sono il rispetto della contingenza e la tensione verso la perfezione. Quattro sono gli au tori antichi sui quali E. Osborn torna per una verifica relativa agli schemi etici ehe ha assunto per la sua indagine: Cle mente Alessandrino, Basilio di Cesarea, Giovanni Crisostomo e Agostino. Una scel ta del genere voleva ottenere il risultato di raccomandarsi per rappresentativita sia geografica che cronologica, nei riguardi del cristianesimo antico. Una volta compiuta la ricognizione sul campo programmata, rico gnizione che occupa la parte centrale del libro, in un capitolo (il VI) di singolare densita, l'autore raccoglie i problemi che ciascuno dei quattro paradigmi studiati ha messo in evidenza, e che sono tutt'<ro che estranei al dibattito morale del nostro tem po: quello della legge naturale, dell'imita zione del Cristo e del Gesu della storia, della possibilita dell'esistenza di una mo rale non cristiana alPinterno stesso di una morale cristiana, e della morale della si tuazione. In rapporto a ciascuno di questi interrogativi l'autore cerca di approfondi re le indicazioni significative che emergono dalla ricognizione compiuta nell'epoca pa tristica. II bilancio ultimo dell'indagine e tratto nella conclusione, la quale stabi lisce ? a ragion veduta ? insieme ai ri schi che i quattro modelli studiati hanno rappresentato per la riflessione dei Padri, anche gli innegabili vantaggi, per la per This content downloaded from 62.122.79.38 on Sun, 15 Jun 2014 07:08:46 AM All use subject to JSTOR Terms and Conditions http://www.jstor.org/page/info/about/policies/terms.jsp
  • ANNUNZI BIBLIOGRAFICI 283 meabilita che essi hanno nonostante tutto conservato alle esigenze della contingenza come a quelle della perfezione. II libro di E. Osborn presuppone molti riferimenti a scelte d'indirizzo di fondo e metodologico che sono senz'altro discutibili: ma con so brieta densa e ricca e con note vole limpi dezza mette a profitto del dibattito morale odierno la testimonianza della Chiesa pa tristica in termini che stimolano efficace mente a pensare. (C. Scaglioni) C. Nardi, II Battesimo in Clemente Ales sandrino. Interpretazione di Eclogae pro pheticae 1-26,?Studia Ephemeridis Augu stinianum ?, 19, Institutum Patristicum Augustinianum, Roma 1984. Un vol. di pp. 267. difficile render conto in maniera ade guata dei pregi con i quali si raccomanda il libro di C. Nardi che qui si presenta e in cui viene pubblicata la sua tesi di laurea in Teologia e Scienze Patristiche. II titolo, per la sua prima parte, annuncia come ar gomento dello studio, quello del Battesimo in Clemente Alessandrmo. Ora, benche sia giusto osservare, come fa l'autore stesso, che questa ricerca non si impegna nell'ana lisi di tutti i testi battesimali di Clemente (rimangono fuori Protrettico 9 e Pedagogo 1,6), ma solo di Eclogae propheticae 1-26, e molto piu che un saggio di storia della liturgia quello che essa mette a disposi zione. Senza che sia mai persa di vista la tematica battesimale che ? al contrario ? fornisce l'impianto riceo e coerente della trattazione, il filo conduttore del commento analitico a Eclogae propheticae 1-26 fa si che vengano toccati e illuminati diversi altri ambiti, quali sono, ad esempio la sto ria dell'esegesi cristiana primitiva, la storia della teologia, il problema dei rapporti con la cultura antica e quello dei rapporti con la gnosi eterodossa. Non c'e bisogno di in sistere molto sulla delicatezza e sulle diffi colta di un testo come Eclogae propheticae, che non a caso, dopo essere stato guardato con sospetto nell'antichita, ha incontrato in questi ultimi secoli solo pochissime tra duzioni latine e nessuna versione nelle lin gue moderne. Rispetto alle altre opere di Clemente, gia impegnative, come e ben noto, in ragione delle caratteristiche parti colarissime della lingua, questa offre la dif ficolta supplementare della concisione ti pica di una stesura di appunti e quella di riecheggiamenti di sensibilita culturali e teologiche diverse. Padroneggiando in ma niera del tutto convincente la document a zione relativa all'ambiente eulturale ales sandrino, che e certo parte cospicua degli inizi della letteratura cristiana, e le altre fonti del pensiero cristiano primitivo, il Nardi e riuscito nello stesso tempo ad espli citare in tutta la sua ricchezza il senso dei brevissimi ma densi paragrafi delle Eclogae propheticae e a collocarle nel solco fecondo e diveniente della teologia antica. Non e davvero un risultato da poco. Se poi Fac curatezza della analisi dedicata al testo dei primi 26 capitoli dell'opera di Clemente eandidava in piena naturalezza il Nardi ad edit ore ideale del medesimo scritto (op portunity che si e in effetti realizzata Fan no dopo la pubblicazione della tesi), il bi lancio che si legge a conclusione della tesi mette finalmente in mano una piccola serie di punti fermi per quanto concerne la pa ternita Clementina dell'opera, la sua orto dossia, e i suoi obiettivi di approfondi mento eulturale della fede e del sacramento perseguiti, che erano indubbiamente attesi da tempo. Da questo lavoro di C. Nardi esce non solo confermato un profilo di Clemente come originalissimo teologo e let tore della Bibbia, ma anche uno squarcio sulla teologia del Battesimo che rinnova Fentusiasmo sollevato a suo tempo dagli studi fortunati di Danielou e puo riani mare la catechesi attuale con il sempre prezioso contributo della tradizione. In ef fetti, di un'ampiezza di sguardo che spazia dalla creazione all'escatologia attraverso tutta la storia della salvezza, e'e sempre bisogno quando si vuole suggerire una com prensione dei misteri centrali della fede che rechi in se la luce di cui vogliono essere portatori. Anche se il testo di Clemente e e resta difficile, la nitidezza e Fordine pa ziente con cui Fautore del presente libro ne off re la traduzione e ne distende i conte nuti, riprendendoli via via in successive sintesi provvisorie, sono tali che il rigore scientifico, invece che scoraggiare, sostiene appunto il desiderio delFaccostamento an che nel non specialista. Non e difficile pre vedere che uno studio cosi esemplare da tanti punti di vista incontrera vasta acco glienza e preludera ad altri non meno lu singhieri risultati. (C. SCAGLIONI) Autobi Vabi, I Martiri della Val di Non e la reazione pagana alia fine del IV se colo, ? Atti del Convegno tenuto a Tren to, 27-28marzo 1984?, Bologna 1985. Un vol. di pp. 223. II volume presenta, leggermente modifi cati, gli Atti del Convegno di Trento sui This content downloaded from 62.122.79.38 on Sun, 15 Jun 2014 07:08:46 AM All use subject to JSTOR Terms and Conditions http://www.jstor.org/page/info/about/policies/terms.jsp Article Contents p. 282 p. 283 Issue Table of Contents Aevum, Anno 61, Fasc. 1 (gennaio-aprile 1987), pp. 1-298 Front Matter LA PAPIROLOGIA BILANCIO DI UN CINQUANTENNIO E PROSPETTIVE PER L'AVVENIRE [pp. 3-19] STUDI DIODOREI OSSERVAZIONI SU DIODORO, POLIBIO E LA STORIOGRAFIA ELLENISTICA [pp. 20-28] DIODORO E IL « DOPO ALESSANDRO » [pp. 29-36] LA FIGURA DI TOLOMEO NEI LIBRI XVIII-XX DI DIODORO [pp. 37-42] LA CONOSCENZA DI DIODORO NEL TARDOANTICO [pp. 43-52] DIODORO SICULO NEL TRATTATO DEL FILARETE: UN CODICE DIODOREO NELLA BIBLIOTECA DEGLI SFORZA? [pp. 53-58] MISCELLANEA OSSERVAZIONI SUI MODULI FORMULARI DELLA SERIE F DI CNOSSO [pp. 59-75] ATENEO XII 521 C-D: UN'ANTICA LEGGE SIBARITICA [pp. 76-78] IN SAPPHUS CARMEN QUOD « φαίνεταί μοι » INCIPIT CRITICA ET PALAEOGRAPHICA QUAEDAM [pp. 79-83] IL TESTO DI EUR. ANDR. 1166-1172 E P. BEROL. 13418 [pp. 84-88] LA TRADIZIONE SU PARMENIONE NEGLI STORICI DI ALESSANDRO [pp. 89-104] ARISTOTELE E POSIDONIO SUL SIGNIFICATO DEL « SYNDESMOS » [pp. 105-107] ANNIBALE E IL PASSAGGIO DEGLI APPENNINI [pp. 108-112] « LAPIDES PROFANEIS INTUS SACRUM » ALCUNE OSSERVAZIONI INTORNO A CIL I²1486 [pp. 113-122] DUE CLEOPATRE A CONFRONTO: PROPERZIO REPLICA A ORAZIO [pp. 123-131] APPUNTI SU POETI DELL'ETÀ TARDO-AUGUSTEA E TIBERIANA [pp. 132-136] STRUTTURA E STILE DEL "ΠΕΡΙ ΥψΟΥΣ" [pp. 137-247] RECENSIONI Review: untitled [pp. 248-249] Review: untitled [pp. 249-250] Review: untitled [pp. 251-252] Review: untitled [pp. 252-254] Review: untitled [pp. 254-255] Review: untitled [pp. 255-258] Review: untitled [pp. 258-261] Review: untitled [pp. 261-262] Review: untitled [pp. 262-264] Review: untitled [pp. 264-267] Review: untitled [pp. 267-269] Review: untitled [pp. 269-270] Review: untitled [pp. 271-273] ANNUNZI BIBLIOGRAFICI Review: untitled [pp. 274-275] Review: untitled [pp. 275-276] Review: untitled [pp. 276-277] Review: untitled [pp. 277-277] Review: untitled [pp. 277-278] Review: untitled [pp. 278-279] Review: untitled [pp. 279-280] Review: untitled [pp. 280-280] Review: untitled [pp. 280-282] Review: untitled [pp. 282-283] Review: untitled [pp. 283-283] Review: untitled [pp. 283-285] Review: untitled [pp. 285-286] Review: untitled [pp. 286-288] Review: untitled [pp. 288-289] CRONACA RICORDO DI MONSIGNOR RIPOSATI [pp. 290-295] COLLOQUIO INTERNAZIONALE: "S. Agostino nelle terre di Ambrogio" (Gazzada, 1-4 ottobre 1986) [pp. 296-298] Back Matter
Please download to view
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
...

La morale dans la pensée chrétienne primitive. Description des archétypes de la morale patristique, « Théologie Historique », 68by E. Osborn

by review-by-c-scaglioni

on

Report

Category:

Documents

Download: 0

Comment: 0

212

views

Comments

Description

Download La morale dans la pensée chrétienne primitive. Description des archétypes de la morale patristique, « Théologie Historique », 68by E. Osborn

Transcript

  • La morale dans la pensée chrétienne primitive. Description des archétypes de la morale patristique, « Théologie Historique », 68 by E. Osborn Review by: C. Scaglioni Aevum, Anno 61, Fasc. 1 (gennaio-aprile 1987), pp. 282-283 Published by: Vita e Pensiero – Pubblicazioni dell’Università Cattolica del Sacro Cuore Stable URL: http://www.jstor.org/stable/20858187 . Accessed: 15/06/2014 07:08 Your use of the JSTOR archive indicates your acceptance of the Terms & Conditions of Use, available at . http://www.jstor.org/page/info/about/policies/terms.jsp . JSTOR is a not-for-profit service that helps scholars, researchers, and students discover, use, and build upon a wide range of content in a trusted digital archive. We use information technology and tools to increase productivity and facilitate new forms of scholarship. For more information about JSTOR, please contact support@jstor.org. . Vita e Pensiero – Pubblicazioni dell’Università Cattolica del Sacro Cuore is collaborating with JSTOR to digitize, preserve and extend access to Aevum. http://www.jstor.org This content downloaded from 62.122.79.38 on Sun, 15 Jun 2014 07:08:46 AM All use subject to JSTOR Terms and Conditions http://www.jstor.org/action/showPublisher?publisherCode=vitaepensiero http://www.jstor.org/stable/20858187?origin=JSTOR-pdf http://www.jstor.org/page/info/about/policies/terms.jsp http://www.jstor.org/page/info/about/policies/terms.jsp
  • 282 ANNUNZI BIBLIOGRAFICI dallo stile apuleiano, eppure segue l'unico metodo oggi possibile. Dicevo sopra che la traduzione fa parte del commento. I due esempi citati dimo strano che 1'Augello non ha inteso sosti tuirsi all'autore, ma mettersene al servizio, chiarendo per il lettore dei nostri giorni la ? sententia ? del Madaurense; non diver - samente da coloro che, per esempio, an notano testi in italiano antico, il curatore ha offerto una sorta di parafrasi, che non intende prendere il posto deU'originale, ma piuttosto invitare chi legge a cimentarsi direttamente, aiutato dalla versione, con la lettura del testo classico: il quale e in questo caso, come tutti sanno, di straor dinaria difficolta. La fatic8 di Giuseppe Augello pare dun que pienamente ripagata dai risultati; e non solo i lettori genericamente colti, ma anche tutti coloro che sono piu diretta mente impegnati nello studio dei classici e della tradizione che dai classici e derivata, non possono che esser grati a chi, oltre ad annotare i testi con erudizione e com petenza, ha avuto l'umilta di tradurli, as sumendosi in piu di un caso la responsabi lita di scelte difficili, quando il senso era o poco chiaro o ambiguo. (E. Fumagalli) E. Osbobn, La morale dans la pensee chre tienne primitive. Description des arche types de la morale patristique, ? Theologie Historique ?, 68, Beauchesne, Paris 1984. Un vol. di pp. 313. Questo volume, che nella versione fran cese ora approntata per la prestigiosa col lana ? Theologie Historique ? attesta i me riti dell'originale inglese, comparso in la edizione nel 1976 e in ristampa nel 1978, e nato dal felice incontro di due profonde competenze: quella nel campo della storia delle origini cristiane e quella nell'ambito della morale. Per quanto concerne la prima competenza, non c'e bisogno di diffondersi particolarmente, perche i lavori di E. Os born su Giustino e Clemente di Alessandria sono abbastanza noti a livello internazio nale per dispensare da ogni puntuale se gnalazione. Per quel che concerne la se conda, interessa soprattutto prendere atto con l'autore della ? domanda ? che lo ha mosso nella sua indagine. In sostanza, co me egli stesso dichiara nella Prefazione e nell'Introduzione, e la constatazione del serissimo travaglio in cui si trova oggi coin volto il discorso morale in ambito cristiano (ma certo non solo cristiano) che l'ha spinto a riaccostarsi alle fonti antiche. E a que sto modo lo studio che ne risulta trascende i limiti di tanta produzione patristica tec nica, per offrirsi anche come indicazione esplicita esemplare della fecondita di un dialogo tra cultura presente e riflessione antica che solo di rado emerge con tanta chiarezza. ft evidente che c'era piu di una via per confrontarsi con la tradizione cristiana dei primi secoli, cosi da giungere ad ? enuncia re i principi cristiani piu incontestabili ed enucleare le obbligazioni morali che essi implicano ?. L'autore ha scelto, in base a considerazioni metodologiche che richiama velocemente nell'introduzione, di affidarsi a quella dei modelli o dei paradigmi etici fondamentali. I quattro modelli che egli ha individuato gia nel Nuovo Testamento ? precisamente la giustizia, la condizione di discepolo, la fede come cammino di li berta e l'amore ? sono come dei nuclei di cristallizzazione, delle prospettive possi bili di realizzazione cristiana che, intera gendo sempre reciprocamente, orientano il credente nelle sue scelte. Nessuno e esausti vo, e tuttavia ciascuno possiede una sua efiicacia innegabile di illuminazione. Gli aspetti principali poi che li carat - terizzano tutti e che li segnano in pro fondita deU'originalita cristiana, sono il rispetto della contingenza e la tensione verso la perfezione. Quattro sono gli au tori antichi sui quali E. Osborn torna per una verifica relativa agli schemi etici ehe ha assunto per la sua indagine: Cle mente Alessandrino, Basilio di Cesarea, Giovanni Crisostomo e Agostino. Una scel ta del genere voleva ottenere il risultato di raccomandarsi per rappresentativita sia geografica che cronologica, nei riguardi del cristianesimo antico. Una volta compiuta la ricognizione sul campo programmata, rico gnizione che occupa la parte centrale del libro, in un capitolo (il VI) di singolare densita, l'autore raccoglie i problemi che ciascuno dei quattro paradigmi studiati ha messo in evidenza, e che sono tutt'<ro che estranei al dibattito morale del nostro tem po: quello della legge naturale, dell'imita zione del Cristo e del Gesu della storia, della possibilita dell'esistenza di una mo rale non cristiana alPinterno stesso di una morale cristiana, e della morale della si tuazione. In rapporto a ciascuno di questi interrogativi l'autore cerca di approfondi re le indicazioni significative che emergono dalla ricognizione compiuta nell'epoca pa tristica. II bilancio ultimo dell'indagine e tratto nella conclusione, la quale stabi lisce ? a ragion veduta ? insieme ai ri schi che i quattro modelli studiati hanno rappresentato per la riflessione dei Padri, anche gli innegabili vantaggi, per la per This content downloaded from 62.122.79.38 on Sun, 15 Jun 2014 07:08:46 AM All use subject to JSTOR Terms and Conditions http://www.jstor.org/page/info/about/policies/terms.jsp
  • ANNUNZI BIBLIOGRAFICI 283 meabilita che essi hanno nonostante tutto conservato alle esigenze della contingenza come a quelle della perfezione. II libro di E. Osborn presuppone molti riferimenti a scelte d'indirizzo di fondo e metodologico che sono senz'altro discutibili: ma con so brieta densa e ricca e con note vole limpi dezza mette a profitto del dibattito morale odierno la testimonianza della Chiesa pa tristica in termini che stimolano efficace mente a pensare. (C. Scaglioni) C. Nardi, II Battesimo in Clemente Ales sandrino. Interpretazione di Eclogae pro pheticae 1-26,?Studia Ephemeridis Augu stinianum ?, 19, Institutum Patristicum Augustinianum, Roma 1984. Un vol. di pp. 267. difficile render conto in maniera ade guata dei pregi con i quali si raccomanda il libro di C. Nardi che qui si presenta e in cui viene pubblicata la sua tesi di laurea in Teologia e Scienze Patristiche. II titolo, per la sua prima parte, annuncia come ar gomento dello studio, quello del Battesimo in Clemente Alessandrmo. Ora, benche sia giusto osservare, come fa l'autore stesso, che questa ricerca non si impegna nell'ana lisi di tutti i testi battesimali di Clemente (rimangono fuori Protrettico 9 e Pedagogo 1,6), ma solo di Eclogae propheticae 1-26, e molto piu che un saggio di storia della liturgia quello che essa mette a disposi zione. Senza che sia mai persa di vista la tematica battesimale che ? al contrario ? fornisce l'impianto riceo e coerente della trattazione, il filo conduttore del commento analitico a Eclogae propheticae 1-26 fa si che vengano toccati e illuminati diversi altri ambiti, quali sono, ad esempio la sto ria dell'esegesi cristiana primitiva, la storia della teologia, il problema dei rapporti con la cultura antica e quello dei rapporti con la gnosi eterodossa. Non c'e bisogno di in sistere molto sulla delicatezza e sulle diffi colta di un testo come Eclogae propheticae, che non a caso, dopo essere stato guardato con sospetto nell'antichita, ha incontrato in questi ultimi secoli solo pochissime tra duzioni latine e nessuna versione nelle lin gue moderne. Rispetto alle altre opere di Clemente, gia impegnative, come e ben noto, in ragione delle caratteristiche parti colarissime della lingua, questa offre la dif ficolta supplementare della concisione ti pica di una stesura di appunti e quella di riecheggiamenti di sensibilita culturali e teologiche diverse. Padroneggiando in ma niera del tutto convincente la document a zione relativa all'ambiente eulturale ales sandrino, che e certo parte cospicua degli inizi della letteratura cristiana, e le altre fonti del pensiero cristiano primitivo, il Nardi e riuscito nello stesso tempo ad espli citare in tutta la sua ricchezza il senso dei brevissimi ma densi paragrafi delle Eclogae propheticae e a collocarle nel solco fecondo e diveniente della teologia antica. Non e davvero un risultato da poco. Se poi Fac curatezza della analisi dedicata al testo dei primi 26 capitoli dell'opera di Clemente eandidava in piena naturalezza il Nardi ad edit ore ideale del medesimo scritto (op portunity che si e in effetti realizzata Fan no dopo la pubblicazione della tesi), il bi lancio che si legge a conclusione della tesi mette finalmente in mano una piccola serie di punti fermi per quanto concerne la pa ternita Clementina dell'opera, la sua orto dossia, e i suoi obiettivi di approfondi mento eulturale della fede e del sacramento perseguiti, che erano indubbiamente attesi da tempo. Da questo lavoro di C. Nardi esce non solo confermato un profilo di Clemente come originalissimo teologo e let tore della Bibbia, ma anche uno squarcio sulla teologia del Battesimo che rinnova Fentusiasmo sollevato a suo tempo dagli studi fortunati di Danielou e puo riani mare la catechesi attuale con il sempre prezioso contributo della tradizione. In ef fetti, di un'ampiezza di sguardo che spazia dalla creazione all'escatologia attraverso tutta la storia della salvezza, e'e sempre bisogno quando si vuole suggerire una com prensione dei misteri centrali della fede che rechi in se la luce di cui vogliono essere portatori. Anche se il testo di Clemente e e resta difficile, la nitidezza e Fordine pa ziente con cui Fautore del presente libro ne off re la traduzione e ne distende i conte nuti, riprendendoli via via in successive sintesi provvisorie, sono tali che il rigore scientifico, invece che scoraggiare, sostiene appunto il desiderio delFaccostamento an che nel non specialista. Non e difficile pre vedere che uno studio cosi esemplare da tanti punti di vista incontrera vasta acco glienza e preludera ad altri non meno lu singhieri risultati. (C. SCAGLIONI) Autobi Vabi, I Martiri della Val di Non e la reazione pagana alia fine del IV se colo, ? Atti del Convegno tenuto a Tren to, 27-28marzo 1984?, Bologna 1985. Un vol. di pp. 223. II volume presenta, leggermente modifi cati, gli Atti del Convegno di Trento sui This content downloaded from 62.122.79.38 on Sun, 15 Jun 2014 07:08:46 AM All use subject to JSTOR Terms and Conditions http://www.jstor.org/page/info/about/policies/terms.jsp Article Contents p. 282 p. 283 Issue Table of Contents Aevum, Anno 61, Fasc. 1 (gennaio-aprile 1987), pp. 1-298 Front Matter LA PAPIROLOGIA BILANCIO DI UN CINQUANTENNIO E PROSPETTIVE PER L'AVVENIRE [pp. 3-19] STUDI DIODOREI OSSERVAZIONI SU DIODORO, POLIBIO E LA STORIOGRAFIA ELLENISTICA [pp. 20-28] DIODORO E IL « DOPO ALESSANDRO » [pp. 29-36] LA FIGURA DI TOLOMEO NEI LIBRI XVIII-XX DI DIODORO [pp. 37-42] LA CONOSCENZA DI DIODORO NEL TARDOANTICO [pp. 43-52] DIODORO SICULO NEL TRATTATO DEL FILARETE: UN CODICE DIODOREO NELLA BIBLIOTECA DEGLI SFORZA? [pp. 53-58] MISCELLANEA OSSERVAZIONI SUI MODULI FORMULARI DELLA SERIE F DI CNOSSO [pp. 59-75] ATENEO XII 521 C-D: UN'ANTICA LEGGE SIBARITICA [pp. 76-78] IN SAPPHUS CARMEN QUOD « φαίνεταί μοι » INCIPIT CRITICA ET PALAEOGRAPHICA QUAEDAM [pp. 79-83] IL TESTO DI EUR. ANDR. 1166-1172 E P. BEROL. 13418 [pp. 84-88] LA TRADIZIONE SU PARMENIONE NEGLI STORICI DI ALESSANDRO [pp. 89-104] ARISTOTELE E POSIDONIO SUL SIGNIFICATO DEL « SYNDESMOS » [pp. 105-107] ANNIBALE E IL PASSAGGIO DEGLI APPENNINI [pp. 108-112] « LAPIDES PROFANEIS INTUS SACRUM » ALCUNE OSSERVAZIONI INTORNO A CIL I²1486 [pp. 113-122] DUE CLEOPATRE A CONFRONTO: PROPERZIO REPLICA A ORAZIO [pp. 123-131] APPUNTI SU POETI DELL'ETÀ TARDO-AUGUSTEA E TIBERIANA [pp. 132-136] STRUTTURA E STILE DEL "ΠΕΡΙ ΥψΟΥΣ" [pp. 137-247] RECENSIONI Review: untitled [pp. 248-249] Review: untitled [pp. 249-250] Review: untitled [pp. 251-252] Review: untitled [pp. 252-254] Review: untitled [pp. 254-255] Review: untitled [pp. 255-258] Review: untitled [pp. 258-261] Review: untitled [pp. 261-262] Review: untitled [pp. 262-264] Review: untitled [pp. 264-267] Review: untitled [pp. 267-269] Review: untitled [pp. 269-270] Review: untitled [pp. 271-273] ANNUNZI BIBLIOGRAFICI Review: untitled [pp. 274-275] Review: untitled [pp. 275-276] Review: untitled [pp. 276-277] Review: untitled [pp. 277-277] Review: untitled [pp. 277-278] Review: untitled [pp. 278-279] Review: untitled [pp. 279-280] Review: untitled [pp. 280-280] Review: untitled [pp. 280-282] Review: untitled [pp. 282-283] Review: untitled [pp. 283-283] Review: untitled [pp. 283-285] Review: untitled [pp. 285-286] Review: untitled [pp. 286-288] Review: untitled [pp. 288-289] CRONACA RICORDO DI MONSIGNOR RIPOSATI [pp. 290-295] COLLOQUIO INTERNAZIONALE: "S. Agostino nelle terre di Ambrogio" (Gazzada, 1-4 ottobre 1986) [pp. 296-298] Back Matter
Fly UP